top of page

Spazio 3R, il volontariato aziendale e la collaborazione con Legambiente

Mercoledì 21 febbraio siamo state ospiti all’incontro organizzato da Legambiente dal titolo "Sinergie. Creare valore con Legambiente". Ecco cosa si è detto in questa mattinata piena di stimoli...



Cosa si intende con "volontariato aziendale"?


Il focus del workshop era il volontariato aziendale, ovvero l’iniziativa che coinvolge i dipendenti di un’impresa in un’attività che abbia un impatto positivo per la società o l’ambiente. Da più di quindici anni Legambiente opera in questa prospettiva, creando partnership con altre imprese e promuovendo azioni come la pulizia delle strade, la raccolta di mozziconi, momenti di formazione per i dipendenti, eventi in cui si accolgono i figli e le figlie in ufficio e così via. Al termine dell’iniziativa, viene rilasciata la Carta d’Identità del volontariato aziendale, testimonianza del percorso intrapreso.


 

Su quali valori devono fondarsi i progetti?


Durante l’incontro, in un primo momento ha preso parola Ida La Camera, responsabile del Volontariato aziendale Legambiente. Ha presentato i progetti proposti nel 2023, che si orientavano verso la promozione di un’economia circolare e la lotta all’illegalità. Gli aspetti fondamentali su cui si sono poggiate le iniziative sono ragionare in un’ottica futura, instaurare relazioni e creare rete: non è più pensabile ragionare in modo egoistico, ma per raggiungere un obiettivo è fondamentale collaborare. Siamo un tassello di un mosaico più grande e complesso. È necessaria una cittadinanza attiva volta all’inclusione e che ridia valore alla dimensione della cura. Non solo nei confronti dell’essere umano, ma anche dell’ambiente, degli oggetti, della natura. Tutto questo rispettando i tempi e i modi richiesti dalla persona.


 

Che ruolo avremo in questa iniziativa?


In seguito, sono stati presentati i progetti futuri: uno di questi è legato proprio alla sensibilizzazione contro il fast fashion, ed è proprio qui che entriamo in gioco noi come Spazio 3R. Qual è il modo migliore di prendere consapevolezza se non quello di toccare con mano? È proprio per questo che la nostra idea è quella di proporre dei workshop di sartoria in cui si mostra e si creano abiti e oggetti, in modo da fare esperienza di ciò che è necessario per la creazione di ciò che indossiamo. Si tratta di fare formazione per creare consapevolezza e rendersi quindi conto che, se una maglietta costa solo due euro, c’è qualcosa che non quadra. Oltre alla presa di coscienza, saranno occasioni per creare coesione nell’ambiente lavorativo e rafforzare i legami.


Innovare, includere e riconvertire sono i capisaldi attorno cui si è sviluppato l’incontro: è proprio quello che noi, come Spazio 3R, vorremmo portare avanti promuovendo il volontariato aziendale e consolidando partnership per raggiungere insieme gli obiettivi.




















29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Σχόλια


bottom of page