Erika e un abito da sposa speciale

Aggiornamento: 29 giu

La ricercatezza nei dettagli, l'attenzione verso i tessuti ma anche dei valori e uno stile personale, sono questi gli elementi che cercava Erika nel suo abito da sposa "non convenzionale" e che l'ha portata da noi per sua realizzazione. In questa intervista ci racconta di questo percorso condiviso fino al grande giorno a metà giugno.


Raccontaci di te e del tuo matrimonio


Sono Erika, vivo a Milano con il mio compagno e i miei due cagnolini e quest’anno abbiamo deciso di sposarci. Già dall’anno scorso ho cominciato a interessarmi per il matrimonio. Al momento di decidere l’abito da sposa ho subito prenotato un appuntamento in un negozio in città. Durante le prove però non mi sono sentita a mio agio, non riuscivo a trovare un abito che rispecchiasse l’idea che avevo in mente, non mi piaceva lo stile di nessuno e soprattutto avevo la percezione di indossare qualcosa di bassa qualità.







 

Come hai conosciuto Spazio 3R e come ti è venuta l'idea di realizzare il tuo abito da sposa?


A seguito di questa iniziale esperienza negativa, ho iniziato a cercare in internet degli atelier di sartoria che rispecchiassero la mia idea di moda. Mi sono così imbattuta in Spazio 3R. Dopo una prima mail di contatto, a novembre dell’anno scorso abbiamo fissato un primo incontro conoscitivo.

I motivi principali per i quali mi sono innamorata subito di questa associazione sono la condivisione dei valori sui quali puntano e l’alta qualità dei prodotti che producono, grazie ai materiali utilizzati e l’attenzione nella realizzazione.

 

Quali sono stati i diversi passaggi che hanno portato all'abito dei tuoi sogni?


Avevo in mente un abito, quello dei miei sogni, un abito semplice, pulito che mi valorizzasse e che potessi pensare, con le dovute modifiche, di riutilizzare. Solo sul colore solo rimasta sul classico: il bianco. Confrontandomi con le responsabili del laboratorio abbiamo trovato una soluzione a tutto. L'unicità di questo percorso è stata anche nelle persone che hanno realizzato il mio abito. Con l'aiuto e il supporto professionale di modelliste e sarte esperte è stata Dilki a realizzarlo: per entrambe era una prima volta. Siamo partite dall’idea che avevo prendendo le misure, creando i cartamodelli, realizzando la tela e iniziando poi la confezione con prove intermedie per gli sdifettamenti. Ho avuto la possibilità di scegliere anche la stoffa, in questo mi sono confrontata con tutte loro professioniste per capire quale fosse quella migliore per la mia tipologia di abito.

 

Cosa ti ha colpito in questi mesi di realizzazione?


In questi mesi di preparazione, la cosa che mi ha colpito di più è l’attenzione ai dettagli che non do mai per scontata. Secondo me la vera professionalità si vede da quello, non solo dal risultato complessivo ma anche dalla ricerca della precisione proprio nelle piccole cose. Nulla è stato fatto di fretta, le prove sono state numerose e tutte molto lunghe, e grazie a questo si è raggiunto l'obiettivo che mi ero prefissata, un abito che si vede che è fatto su misura e con cura. Il MIO abito da sposa.